La notte dei samurai: aggregazione ed integrazione sociale

Home/Articoli, Eventi/La notte dei samurai: aggregazione ed integrazione sociale

La notte dei samurai: aggregazione ed integrazione sociale

 

La notte dei samurai è stato un momento di inclusione sociale ed esperienza di vita dentro  al dojo. Hanno partecipato tutti i piccoli e grandi allievi per condividere momenti di allenamento ma sopratutto una nuova esperienza.Dai più piccolini di 4 anni fino ai 21 anni hanno aderito grazie a famiglie sensibili alla crescita dei propri figli.Obiettivo della notte dei samurai era imparare a gestire situazioni mai conosciute sia in allenamento che nella vita.Piccoli e grandi hanno vissuto l’ esperienza del nuovo, in un contesto fuori dalle pareti domestiche ma condividendo vitto ed alloggio in un ambiente amichevole.Il segreto del successo è stato la stretta relazione e comunicazione con le famiglie che hanno accolto di far vivere l’ esperienza per far crescere i propri figli.Le arti marziali, l’ amicizia, la voglia di stare insieme hanno reso la notte dei samurai un momento speciale.Colmo di altruismo, affiatamento, amicizia a 360 gradi.Il senso di aggregazione ed integrazione hanno permesso di allenarsi con bambini dai 4 anni fino ai  ragazzi di 15 e 21, tra i quali non sono mancati anche ragazzi con SINDROME DI ASPERGER e DSA con i quali senza alcuna difficoltà si è svolto il programma proposto.La notte dei samurai ha voluto simbolizzare quanto nella vita si può affrontare da soli oltre quel che si conosce.Come da programma l’ allenamento, la condivisione degli spogliatoio con i più grandi che hanno aiutato i piu piccoli.La preparazione dei tavoli .L’ attesa dell’ arrivo della pizza e la preparazione a condividere momenti serali fino all’ accampamento. L’ accettazione delle diverse esigenze , personalità e carattere.Nessuno ha mostrato insofferenza o intolleranza perchè non ‘ cera alcuna differenza che potesse mettere in difficoltà per alcun motivo.La notte dei samurai ha riscosso successo grazie al contributo di tutti ed ancora una volta l’ accettazione e l’ integrazione dell’ individuo e non dello steotipo hanno vinto per rendere l’ iniziativa una bellissima esperienza per tutti.

2018-04-17T15:24:49+00:00 17 marzo 2018|Articoli, Eventi|